Accedi al sito
Serve aiuto?

realizzazioni

RISTRUTTURAZIONE VILLA “IL TIMONE”

L’immobile sorge in Via Strada Romana è uno dei più importanti percorsi orientati parallelamente alla linea di costa del levante varazzino. Denominato “Villa il timone”, è uno degli edifici che più hanno mantenuto una tipologia di villino novecentesco con un rapporto di qualità con gli spazi pertinenziali a verde e con il sistema delle percorrenze e degli accessi.
 
L’intervento eseguito è stato un “restyling architettonico” per migliorare l’aspetto esteriore dell’edificio e delle immediate pertinenze, eliminando il più possibile le incoerenze, le aggiunte, le manomissioni e l’intrusione di elementi estranei inseriti nelle più recenti ristrutturazioni. Il tutto nel rispetto delle caratteristiche del linguaggio architettonico dell’edificio e nell’uso di tecnologie e di materiali appropriati alle preesistenze.
 
Si è inoltre recuperato il locale sottotetto ai fini abitativi in applicazione della L.R. 24/2001ss.mm.ii. per realizzare una piccola unità abitativa a servizio della villa con soffitto in legno finito a cera e travi di acciaio a vista. Per collegare quest’ultima al vano scala esistente si è progettata una scala a rampa elicoidale irregolare in acciaio verniciato e legno di essenza doussiè. All’interno del vano scala è stata inoltre installata una piattaforma elevatrice su misura per collegare tutti i piani dell’edificio a partire dal seminterrato.
 
I principali materiali utilizzati sulle superfici esterne dell’immobile sono quelli della tradizione: abbadini di ardesia per la copertura, intonaco alla genovese con finitura in arenino per le facciate e i cornicioni, lastre di pietra tipo travertino chiaro stuccato  per riprendere e implementare le decorazioni di facciata esistenti.
 
Per ciò che concerne le sistemazioni pertinenziali esterne si è previsto principalmente un lavoro di eliminazione di materiali incongrui quali le piastrelle monocottura di scarsa qualità risalenti alla fine degli anni ’60 e le lastre di quarzite ad opus incertum che sono stati sostituiti da lastre di pietra tipo “finale” levigata e stuccata, che ben si integra con i muri in pietra a spacco del giardino.
 
Si è anche ridotta la dimensione della piscina per integrarla meglio nel contesto e si è realizzato un sistema di percorsi pedonali rivestiti in lastre di pietra tipo “finale” e deck in essenza tipo “lapacho” al fine di migliorare la fruibilità e l’accessibilità del giardino esistente Sud con l’edificio stesso.
DESIGN DI INTERNI IN EDIFICIO BIFAMILIARE

L’intervento è consistito in opere di rifacimento degli interni di una edificio bifamiliare situato in frazione Piani d’Invrea, in prossimità del Parco Costiero di Lungomare Europa.

La richiesta della proprietà è stata di innovare gli spazi di un edificio bifamiliare realizzato negli anni ’70, senza snaturare la distribuzione interna ed alcuni suoi elementi caratterizzanti, quali gli oblò e i controsoffitti in lastre di gesso forato e decorato. Altra richiesta della committenza è stata l’impiego di tinte accese con toni caldi e richiamanti il mare e la baia prospiciente l’edificio.

Si è provveduto al rifacimento dei bagni esistenti, alla realizzazione di nuovi controsoffitti di tipo decorativo e al risanamento parziale di alcune lastre in gesso esistenti, al rifacimento dei pavimenti in parquet personalizzato di colore grigio-azzurro, al disegno di nuove porte interne richiamanti gli oblò presistenti, alla decorazione delle superfici murarie con tinte accese e alla scelta di arredi e complementi di design contemporaneo by fiam, moroso, poliform, desalto, ecc che hanno conferito un carattere deciso agli ambienti.     
RECUPERO SOTTOTETTO A FINI ABITATIVI

L’ intervento interessa il recupero a fini abitativi di alcuni locali di sgombero nel sottotetto di un edificio a prevalente destinazione residenziale che sorge nel centro storico cittadino di Varazze ed è prospiciente il mare. L’ obbiettivo è stata la realizzazione di due nuove unità immobiliari, il cui intervento ha anche permesso di risolvere alcune problematiche presistenti di natura statico strutturale dell’edificio ed anche l’ aspetto esteriore, valorizzandone il linguaggio architettonico.

Si è provveduto alla completa demolizione e ricostruzione del tetto e del solaio presistente nel sottotetto, impiegando una tecnologia leggera “a secco”, con strutture in profilati metallici zincati a caldo, lastre portanti tipo “OSB” e pannelli autoportanti in lamiera di acciaio preverniciato e coibentato. Tutti i rivestimenti esterni ed interni sono stati invece realizzati con i materiali della tradizione ligure e gli ambienti interni sono stati disegnati al fine di generare un corretto equilibrio tra l’utilizzo razionale degli spazi e l’esaltazione della posizione privilegiata del’edificio.  

RISTRUTTURAZIONE CASA SU LUNGOMARE EUROPA DI VARAZZE
 
L’ immobile sorge su un versante pedecollinare del levante cittadino, a valle della S.S. n° 1 Aurelia ed affacciato sul mare. L’ edificio oggetto di intervento è un villino monofamiliare costruito negli anni ’60, di forma semplice e distribuito su tre livelli addossati al pendio retrostante. Al piano terreno è ubicata una piccola autorimessa, al piano primo sono presenti due locali adibiti a magazzino e collegati da un corridoio. Il secondo piano è adibito a residenza. Tra il solaio del piano abitabile e il solaio di copertura vi è la presenza di un vano di sgombero accessibile dal piano inferiore ed utilizzabile ai fini del recupero abitativo in applicazione della L.R. 24/2001.
Intento dell’intervento era quello di amplificare l’ interazione con il paesaggio mediante una serie di piccoli interventi puntuali che non andassero a snaturare l’ edificio, tuttavia lo rendessero piu’ gradevole e proporzionato alla percezione visiva, specie da Lungomare Europa. In particolare è stato previsto:
  • l’ allineamento delle falde sfalsate con leggero innalzamento della copertura dell’edificio, il che tende a distendere il “coronamento” dell’edificio, specie nella vista prospettica da Lungomare Europa;
  • il leggero ampliamento delle bucature esistenti in facciata Sud e l’ apertura di due nuove bucature in corrispondenza del nuovo sottotetto abitabile (in applicazione LR 24/2001) al fine di amplificare il rapporto tra gli spazi interni e il paesaggio;
  • la tinteggiatura del “coronamento” (sottotetto) e del corpo in  “elevazione “ del fabbricato (piano secondo) mediante bande di colore bianco e grigio tenue (tonalità calda) ai fini della mitigazione dello “stacco” tra i piani abitabili dell’immobile e il portico sottostante;
  • l’ evidenziazione del portico al piano primo, elemento di pregio del fabbricato, mediante tinteggiatura, con colore piu’ saturo, della cornice che lo delimita e la colorazione delle “ colonne” esistenti in chiave contemporanea richiamando i segnali del famoso "miglio marino" di Lungomare Europa.
Oltre alla cura dell' aspetto paesaggistico, l'intervento ha operato il completo restyling degli interni con modifica della distribuzione degli spazi e delle funzioni.

 
 
 

RESIDENZA  PER  LE  VACANZE   A   VARAZZE

                                                                                                                                                                              L’ intervento consiste nella ristrutturazione urbanistica di un lotto contenente un vecchio edificio artigianale in disuso in una zona poco distante dal centro città e a poche decine di metri dal mare. Il sito di intervento presenta una serie di “caratteri forti” del paesaggio ligure, quali i terrazzamenti coltivati ad alberi da frutto e agrumi, un lecceto, una presa d’ acqua per l’ irrigazione del terreno il cui “troppo pieno”, nelle giornate di pioggia, forma una cascata di rara bellezza.  Il P.U.C di Varazze prevede la demolizione dell’ edificio esistente e la ricostruzione di edificio tipologicamente diverso nello stesso sedime, che la committenza voleva trasformare in residenza per le vacanze, formata da 6 unità immobiliari e 7 box pertinenziali. Con tale intervento si è cercato di aprire l’ ameno scenario all’ architettura contemporanea, cercando di farla interagire il piu’ possibile con il paesaggio, rispettarlo e valorizzarlo nei suoi caratteri forti, senza scadere in pittoreschi regionalismi, che qui, troppo spesso, si traducono nell’ anacronistica strategia insediativa del “ borgo ligure “.  Si è così tentata la “territorializzazione “ del manufatto architettonico contemporaneo, che  prevede, da un lato, l’ utilizzo di materiali della tradizione quali la pietra locale per il rivestimento della facciata principale e dei muri di contenimento che richiamano “ i terrazzamenti”;  dall’ altro,  l’ utilizzo di materiali e tecnologie contemporanee quali le ampie vetrate totalmente apribili, che permettono agli abitanti di interagire, di divenire attori del paesaggio con il lecceto sempreverde quale sfondo. 

 

 

 
 


RISTRUTTURAZIONE DI INTERNI IN CASA UNIFAMILIARE

L' intervento consiste in opere di ristrutturazione all' interno di una casa unifamiliare situata in località Castagnabuona, un piccolo centro abitato alle spalle della Città di Varazze che si affaccia sul Mar Ligure. 

L' obiettivo principale dell' intervento è stata l' attualizzazione degli spazi di una casa unifamiliare costruita dai precedenti proprietari negli anni '80. La prima fase ha previsto la sistemazione del piano primo per permettere al proprietario di trasformarla in residenza.

Per volontà della proprietà non si è voluta modificare la destinazione delle superfici esistenti, per cui si è prestata particolare attenzione al miglioramento della qualità dello spazio esistente mediante la semplificazione della sua lettura.

Cio' si è tradotto nella rimozione di superfetazioni esistenti quali muretti divisori interni, un caminetto, vecchi arredi simil-rustici e la costruzione di nuovo spazio complessivo contenente una serie di episodi ragionati e di effetto quali la cucina, il soggiorno e i bagni, ben legati dagli spazi accessori quali l' ingresso e il corridoio principale.

 
 

RESTYLING GIOIELLERIA VICENDA A VARAZZE 

VICENDA è una delle attività commerciali più conosciute ed importanti a Varazze. Meta di numerosi clienti che vogliono acquistare oggetti di grande qualità e design in un ambiente raffinato ed elegante.

Al fine di implementare il comfort e la soddisfazione della propria storica clientela è nata l'esigenza di ampliare e migliorare gli spazi del negozio esistente, già oggetto di ristrutturazione verso la fine degli anni '80. 

Il progetto di restyling degli interni è consistito nell' accorpamento dell' antico locale ad un locale adiacente di proprietà, destinato ad altro uso commerciale. Tale fusione ha permesso di ottenere uno spazio principale dedito alla vendita con affaccio su Via Sant' Ambrogio, collegato ad un nuovo locale-ufficio destinato alla clientela più riservata con affaccio esclusivo su Piazza Sant' Ambrogio.  

Le opere murarie sono state limitate il piu’ possibile ed hanno interessato principalmente il nuovo locale, all' interno del quale sono stati ubicati i nuovi servizi e l'angolo frigobar privato. Sempre nell’ ottica di limitare le opere di demolizione delle murature portanti esistenti si è optato per la realizzazione di  una serie di contropareti in cartongesso e di boiserie in legno laccato, dietro cui sono stati cablati gli impianti.

Le tinte scelte per gli interni sono il bianco caldo per creare un’ atmosfera luminosa ed avvolgente nella totalità degli spazi del negozio, a cui sono stati contrapposti, in maniera bilanciata, alcuni colori degli arredi quali il verde-acqua e il nero.

I serramenti in legno sono stati "recuperati" mediante la verniciatura ai ferromicacei in color ghisa. Sono state arricchite e implementate le cornici e gli stipiti esistenti delle bucature esterne mediante la posa di lastre in marmo "verde guatemala", levigato e lucidato.

Tutti gli arredi interni sono stati prodotti artigianalmente dall' impresa specializzata in arredi per gioiellerie bmb decorline con l' importante contributo e l' attenta supervisione della committenza.  I materiali utilizzati sono: il multistrato verniciato nello stesso colore bianco caldo per la boiserie, la pelle per il corpo centrale del bancone e il tessuto per i tendaggi, il vetro temperato per la struttura esterna del bancone e per il mobile contenitore di sfondo color verde-acqua, il laminato nero opaco per i restanti arredi.

 

RESTYLING ANNA ABBIGLIAMENTO A VARAZZE 

ANNA è un noto negozio di abbigliamento ubicato nel cuore del caratteristico ed elegante borgo del centro storico denominato “Borgo Solaro”. ANNA svolge la sua attività dal 1969 ed è stato oggetto di un importante intervento di ristrutturazione a metà degli anni ’80, in cui furono realizzati i pregiati pavimenti in marmo “perlato di Sicilia” e i vistosi arredi in legno massello, che hanno conferito all’ esercizio un’ impronta di “bottega”, che ben si sposava con la tipologia di merce commerciata, l’ abbigliamento uomo-donna di tipo molto classico.

A partire da fine anni ’90, per volontà della proprietà, ANNA ha compiuto una svolta nella tipologia di abbigliamento commercializzata, spostando l’ abbigliamento uomo in un nuovo punto vendita e virando l’ abbigliamento classico verso il casual e il fashion. Di qui è nata l’ esigenza di adeguare “il contenitore al contenuto” ovvero di attualizzare la bottega esistente in maniera tale da valorizzare la nuova tipologia di abbigliamento commercializzata. E’ indubbio che la fonte di ispirazione è quella dello show-room della grande città, adeguato alle dimensioni della piccola città della riviera ligure: ANNA è il negozio di abbigliamento alla moda che i numerosi turisti provenienti dalle grandi città del Nord-Ovest vogliono trovare nella meta delle loro vacanze per lo shopping.

Nel progetto di restyling degli interni si sono voluti evidenziare e valorizzare quegli elementi caratterizzanti il locale, quali i pavimenti in marmo e il complesso sistema di volte a vela e a botte, un tempo offuscati dagli arredi in legno massello presistenti e da controsoffittature in compensato marino verniciato.

Si sono inoltre apportate importanti modifiche dal punto di vista dell’ impianto distributivo, consistenti nella “chiusura” e trasformazione dei locali Ovest, prima destinati esclusivamente ad esposizione, in superficie di vendita con affaccio su Via Gavarone mediante ampia vetrata-espositiva. Cio’ ha permesso di trasformare, mediante la realizzazione del blocco degli attuali spogliatoi, gli spazi di vendita meno illuminati ed areati in un capiente magazzino.

Le opere murarie sono state limitate il piu’ possibile ed hanno interessato soltanto le parti piu’ basse ed umide delle murature esistenti, per le quali si è operato un intervento di risanamento conservativo, consistente nella rimozione degli intonaci ammalorati e il rifacimento con intonaco traspirante premiscelato a base di malta di calce. Sempre nell’ ottica di limitare le opere di demolizione delle murature e dei pavimenti esistenti si è optato per la realizzazione di  una serie di contropareti in cartongesso dietro cui sono stati cablati gli impianti e che hanno permesso di realizzare le mensole in vetro temperato senza sostegni e con fissaggio a scomparsa.

I pavimenti in marmo perlato di Sicilia sono stati restaurati mediante il rifacimento parziale di alcune parti non finite, la stuccatura di piccole rotture ed imperfezioni con resina della stessa tonalità della pietra, la completa molatura e lucidatura a macchina.

Le tinte scelte per gli interni sono il bianco caldo per creare un’ atmosfera luminosa ed avvolgente nella totalità degli spazi del negozio, il viola-vinaccia intervallato da rette sghembe di colore bianco per la decorazione di una parete di fondo, con funzione di “richiamo” per la merce esposta sull’ appendiabiti 3D, ubicato al centro di uno dei vani piu’ distanti dalla via di affaccio al negozio.

Si è prestata particolare attenzione nello studio dell’ illuminazione del locale al fine di valorizzare gli ambienti di ampio respiro, caratterizzati dagli eleganti soffitti voltati. Si è optato per una doppia tipologia di illuminazione: quella di fondo di tipo indiretto, con corpi illuminanti poco visibili e lampade agli ioduri metallici, quella puntuale a luce calda, con corpi illuminanti di arredo ben visibili in acciaio cromato che danno un’ impronta a metà tra il retrò e l’ Hi-tech. Della tipologia puntuale a luce calda prendono parte i faretti a led incassati in bauletti posati a terra in prossimità del corridoio di ingresso e in corrispondenza delle ampie vetrate-espositive laterali.

I serramenti sono costituiti da due vetrate fisse in corrispondenza delle vetrate-espositive laterali, formate da profilati in acciaio a scomparsa e da lastre di cristallo stratificato extrachiaro ed antiriflesso con interposta pellicola protettiva antisfondamento. La porta di ingresso, formata da due ante, una apribile ed una fissa, è in vetro temperato con maniglione tubolare a tutta altezza in acciaio spazzolato. E’ “protetta” da serranda avvolgibile con elementi modulari microforati di colore grigio ardesia che ben si sposano con la zoccolatura esterna del fabbricato in lastre di ardesia.

Tutti gli arredi interni sono stati prodotti su disegni esecutivi del progettista e realizzati artigianalmente da un’ impresa specializzata in arredi di tipo commerciale.  I materiali utilizzati sono: il multistrato verniciato nello stesso colore bianco caldo delle pareti per il banco-cassa e i mobili pensili, il laminato con finitura lucida e/o opaca per le cornici delle vetrate-espositive e per le pedane, il vetro temperato per le mensole ad incrocio con fissaggio a scomparsa e per i contenitori porta-abbigliamento, l’ acciaio spazzolato o verniciato nero per gli appendiabiti 2D, 3D e per la struttura del tavolo di servizio nel vano Ovest.

 
 
STRADA PROVINCIALE n° 15 - LOTTO 3B1

Variante generale al progetto esecutivo, Direzione Lavori, Assistenza e Contabilità dei Lavori, Coordinamento della Sicurezza in fase di Esecuzione nei lavori di sistemazione generale ed ammodernamento della sede stradale dal km 0+000 al km 14+300, lotto 3B1, tratta di completamento in Comune di Carcare (savona), fra il lotto 3A ed il lotto 2, compresa fra via delle Moglie e la strada per San Giovanni del Monte.

IMPORTO LAVORI € 1.550.000,00